Acciai Speciali Terni ha presentato nella mattinata di ieri il progetto di recupero delle scorie, da acciaio inossidabile, al sindaco del Comune di Terni Latini e all’assessore Salvati. “Ho avuto modo di seguire con attenzione la presentazione del progetto – afferma l’assessore all’ambiente Benedetta Salvati – un progetto ambizioso che va al di là della prescrizione AIA. L’investimento supera i 60 milioni di euro di cui 9 dedicati alla ricerca e allo sviluppo. Da quello che ho potuto apprendere – continua l’assessore – a Terni sarà applicata una tecnologia innovativa per il raffreddamento della scoria che consentirà di minimizzare le polveri diffuse, di risolvere l’annoso problema delle polveri grossolane del quartiere Prisciano e di ridurre il consumo e lo smaltimento delle acque di raffreddamento. Tra i vantaggi prospettati c’è anche l’ovvia riduzione del conferimento dei rifiuti in discarica, posto che l’obiettivo iniziale prevede il recupero del 25% delle scorie prodotte, con possibilità di aumentare significativamente detta percentuale. In questa situazione può essere letta positivamente anche la durata del contratto che lega la multinazionale ai Finlandesi di Tapojarvi per i prossimi dodici anni, una visione di lungo periodo che potrebbe confermare l’interesse verso il sito e la strategicità dell’area a caldo. Personalmente – conclude l’assessore- faccio un appello a tutte le istituzioni coinvolte, partendo dagli enti locali competenti al rilascio delle varie autorizzazioni fino ad arrivare al Governo centrale per l’adozione di provvedimenti normativi che, nello spirito reale dell’economia circolare, consentano l’utilizzo dell’aggregato derivante dal recupero del rifiuto”.

“Da parte nostra, come è preciso dovere delle istituzioni locali – dichiara il sindaco Leonardo Latini – continueremo a vigilare per ridurre al minimo fino ad azzerare, i rischi per la salute dei cittadini, facendoci garanti del patto del quale abbiamo più volte parlato. Un patto che tenga insieme come obiettivi di fondo il lavoro, lo sviluppo, l’innovazione, la tutela dell’ambiente, nel pieno rispetto della legge e utilizzando ogni opportunità e finanziamento disponibile”.