“Con la presente siamo di nuovo a sollecitare l’incontro con la proprietà del gruppo Treofan preoccupati e allarmati dal fatto che le produzioni del sito di Battipaglia sono ferme dal 18 dicembre u.s a causa della “voluta” mancanza di materia prima. Inoltre, siamo in totale assenza di notizie relative alla ripartenza degli impianti stessi, nonostante i numerosi solleciti fatti”.

A scriverlo, in una nota congiunta, sono le Segreterie Nazionali Filctem Cgil- Femca Cisl –Uiltec Uil.

“In attesa di una Vostra convocazione utile a conoscere il Piano Industriale del Gruppo e il futuro degli stabilimenti Italiani di Battipaglia e Terni – spiegano le OO.SS – chiediamo con forza all’azienda che vengano riattivate quanto prima tutte le attività produttive dello stabilimento di Battipaglia alla stregua di quello di Terni, in quanto, secondo nostre informazioni, in linea con il consolidato aziendale ci sono ordini evidenti per i prossimi mesi, fino a giugno p.v., che per essere evasi necessitano solo dell’invio delle materie prime necessarie per riprendere l’attività.

Le scriventi OO.SS. condannano sin da ora, ogni azione diretta a porre in essere operazioni di spostamento di ordini dal sito di Battipaglia e/o di Terni, verso altri siti, unitamente ad ogni altra tipologia di azione pregiudizievole per lo stabilimento.

Il perdurare dell’attuale atteggiamento dei vertici Treofan/Jindal verrebbe interpretato dai sindacati come evasivo, preoccupante e lesivo della dignità dei Lavoratori, irrispettoso delle più elementari regole di buone relazioni sindacali.

Eventuali segnali positivi immediati rispetto alla ripresa produttiva, porterebbero alla sospensione momentanea del presidio permanente fino alla data dell’incontro ministeriale, in caso contrario ci vedremo costretti a mettere in campo tutte le iniziative necessarie per rimuovere tale situazione.

In attesa di risposte immediate e concrete da parte della proprietà Jindal e dell’apertura del tavolo ministeriale – conclude la missiva sindacale – porgiamo cordiali saluti”.