“In arrivo un’ulteriore possibilità di attivare, per tutto il 2018, gli ammortizzatori sociali destinati ai lavoratori delle aziende localizzate nell’area di Crisi Complessa Terni-Narni”. La notizia giunge dalla regione dell’Umbria che precisa come si tratti di una misura molto importante riservata ai 17 comuni dell’Area di crisi Terni-Narni, destinata ai lavoratori che alla data del primo gennaio 2017 erano beneficiari di trattamento di mobilità.

Tale proroga per il 2018, le cui regole sono state stabilite nell’accordo quadro stipulato tra Regione e parti sociali il 23 luglio scorso, e recepite con delibera 818 della Giunta regionale, permetterà di coprire, per la durata di altri 12 mesi, il trattamento di mobilità in deroga per i lavoratori che non hanno trovato nuovamente lavoro”.

Le risorse messe a disposizione dalla Regione – sottolinea una nota – ammontano complessivamente a 3,5 milioni di euro per la mobilità in deroga. In particolare, i trattamenti di mobilità in deroga, potranno essere chiesti con riferimento al periodo di dodici mesi (con eventuale termine anche nel corso del 2019) con inizio dal giorno successivo la fine del trattamento precedente.

“Sempre nell’area di crisi complessa – ricorda la Rergione Umbria – per tutto il 2018 è possibile già per le imprese che abbiano esaurito gli ammortizzatori sociali richiedere la cassa integrazione straordinaria per la salvaguardia dei livelli occupazionali per un massimo di 12 mesi”.

Il servizio di presentazione delle domande per la mobilità in deroga è già attivo dal 10 settembre attraverso Arpal umbria-Agenzia regionale per il lavoro, per il tramite delle organizzazioni sindacali, utilizzando l’apposito modello

disponibile sul sistema Sare (sistema in uso alla Regione Umbria per l’invio delle domande) ed inviandolo per pec all’ indirizzo: politichelavoro@pec.arpalumbria.it.