Si è tenuto oggi, 24 luglio, l’incontro presso il Mise per la vertenza Alimentitaliani in fallimento. Presenti, oltre al vicepresidente di Gabinetto, l’ingegnere Giorgio Sorial, e al dottor Giampietro Castano, responsabile Unità gestione vertenze del ministero, le istituzioni regionali e i comuni a tutti i livelli, le curatele di Castrovillari e Terni, il custode delle Fattorie, l’avvocato Ugo Celestino, e le organizzazioni sindacali a tutti i livelli.

Le curatele hanno evidenziato le complessità giudiziarie delle procedure e la necessità di addivenire ad un accordo tra le stesse, nonostante le parti siano ancora lontane.

Le organizzazioni sindacali Fai Cisl, Flai Cgil E Uila Uil, hanno espresso tutte le preoccupazioni per una vicenda complicata e per le prossime imminenti aperture delle buste, per gli affitti dei rami d’azienda, evidenziando inoltre la necessità di mantenere l’esercizio provvisorio e la continuità stessa delle aziende, ivi comprese le attività agricole, con la possibilità di ricambio produzione uova, effettuando rimonta pulcini.

“Abbiamo ribadito inoltre – spiegano i sindacati in una nota – la necessità di avere continuità di ammortizzatori sociali cigs e politiche attive.

Viene confermata la possibilità di avere cigs fino al 22 dicembre e proroga fino a maggio, anche senza esercizio provvisorio, salvo ulteriori finanziamenti, da prevedere nella nuova legge di stabilità.

La Regione conferma gli impegni presi sulle politiche attive, il Mise prende impegno di riconvocare il tavolo al 2 agosto alle 16:30, anche a seguito dell’apertura competitiva delle gare.

Auspicando tutti in una soluzione tra curatele e che vi siano operatori imprenditoriali seri che salvaguardino occupazione e continuità produttiva.