In Umbria, come nella maggior parte delle regioni italiane (a parte Sicilia e Basilicata che hanno anticipato al 1° e al 2 luglio), i saldi estivi prenderanno il via sabato 7 luglio, per una durata di 60 giorni di calendario (quindi termineranno il 4 settembre).
Secondo le stime dell’Ufficio Studi di Confcommercio, ogni famiglia spenderà in media per l’acquisto di articoli di abbigliamento e calzature in saldo poco meno di 230 euro, per un valore complessivo intorno ai 3,5 miliardi di euro.
Il presidente di Federazione Moda Umbria, fresco di elezione, Carlo Petrini, in qualità anche di membro della Giunta nazionale Federmoda, sottolinea come ancora oggi i saldi abbiano ragione d’essere, perché rappresentano una importante occasione commerciale sia per le imprese sia per i consumatori. Tanto più perché, a differenza di quanto avveniva a volte in passato, oggi chi compra ha a disposizione prodotti di stagione e grande assortimento tra cui scegliere. “No” dunque, secondo Petrini, alla liberalizzazione dei saldi; pollice verso, da parte del sindacato, anche nei confronti di quelle azioni ormai diffuse dei pre-saldi o saldi privati, che si collocano ai margini della normativa, e della legge regionale in materia di vendite promozionali, che in Umbria, in modo anomalo rispetto a tante altre regioni italiane, sono liberalizzate, generando una vera e propria giungla di offerte anche a ridosso dei saldi.
La tradizione dei saldi è pronta a fronteggiate anche la sfida dell’on line: “Anche se in crescita costante, le vendite on line nel settore abbigliamento-calzature-accessori incidono complessivamente per circa il 10% del totale – evidenzia Petrini – quindi il negozio fisico ha ancora un ruolo assolutamente preponderante, rimanendo un punto di riferimento per il consumatore finale, che trova nell’imprenditore la garanzia di un servizio di qualità sotto tutti i punti di vista. Proprio la qualità – aggiunge – è per Federmoda Umbria il punto cardine su cui lavorare.