Approvata, dai lavoratori dell’Ast di Terni, l’ipotesi di accordo raggiunta tra segreterie provinciali di Fim, Fiom, Uilm, Fismic e Ugl ed azienda sul premio di risultato. A prevalere è stato il ‘sì’.

Sui 1.472 votanti (il 63% degli aventi diritto), si sono espressi favorevolmente all’intesa 1.138 dipendenti, il 77,7%. Sono stati invece 328 i contrari, il 22,3%.

Secondo quanto pattuito tra le parti il premio sarà di 600 euro lordi annui, che saliranno a 750 qualora ogni singolo lavoratore decida di tramutarlo in servizi welfare. Un anticipo del premio, di 240 euro, verrà pagato con la busta paga di luglio. L’azienda si è anche impegnata ad avviare a breve una nuova trattativa su una vera e propria piattaforma integrativa.