Sottoscritta l’ipotesi di accordo tra l’amministratore delegato dell’Ast, Massimiliano Burelli, e le segreterie di Fim, Fiom, Uilm, Fismic, Ugl e Usb, sulla definizione del premio di risultato per i dipendenti dell’acciaieria di Terni.

Dopo avere già rappresentato l’ipotesi alle rsu al termine dell’incontro, le segreterie avvieranno un percorso di assemblee, a partire dalla prossima settimana, per illustrarla ai lavoratori, che poi si pronunceranno con un voto. “Se i lavoratori riterranno valida l’ipotesi – si legge in una nota sindacale – entro il 31 maggio, la stessa sarà esigibile e vedrà l’anticipo dell’elargizione nel cedolino di giugno”.

L’ipotesi – in base a quanto si apprende – prevede un premio base di 600 euro lorde annue a lavoratore.