Anche le Segreterie territoriali dei sindacati Metalmeccanici di Fim, Fiom, Uilm, Fismic e Ugl, hanno proclamato, oggi, uno sciopero di 4 ore, dalle 10 alle 14, per il 24 Gennaio, per tutti i lavoratori dell’Ast, in concomitanza con le esequie di Gianluca Menichino, il giovane operaio deceduto per le conseguenze di un grave infortunio sul lavoro. “L’iniziativa – spiegano le organizzazioni sindacali in una loro nota – è stata assunta per dare forza e continuità a quanto già proclamato dalla RSU dell’acciaieria e per ribadire, congiuntamente ai delegati, l’importanza e la imprescindibile attenzione sui temi della sicurezza nei luoghi di lavoro. Tutti noi – proseguono – continueremo a lavorare perché questi momenti non si verifichino più e sappiamo che lo sciopero da solo non basta per risolvere il drammatico problema degli incidenti e delle morti sul lavoro. Crediamo però – aggiungono i sindacati dei metalmeccanici – che lo sciopero, lo stop delle attività lavorative, il silenzio, la riflessione e la condivisione del dolore di tutti i lavoratori con la famiglia siano necessari a ricostruire un sentire comune che con orgoglio deve farci tutti fare quel qualcosa in più che forse fino ad oggi non è stato fatto. La stessa AST, a nostro avviso – concludono ele segreterie territoriali di Fim, Fiom, Uilm, Fismic e Ugl – avrebbe dovuto spontaneamente procedere ad uno stop di tutte le attività interne allo stabilimento per rendersi partecipe e dare un segnale di attenzione concreto alla condivisione di un momento di riflessione dell’intera comunità”.