E’ di oltre 4 milioni e 800 mila euro l’ammontare degli stanziamenti effettuati dalla Fondazione Cart – nel 2017 – nei sei settori d’intervento per iniziative e progetti a favore del territorio.

“Un risultato – ha spiegato il presidente dell’ente, Luigi Carlini, nella conferenza stampa di fine anno – migliorato soprattutto nella qualità degli interventi e frutto di un’oculata gestione delle risorse”.

In un momento ancora economicamente difficile per il territorio, tra bandi e iniziative proprie, più di un quarto delle risorse deliberate dalla Fondazione (oltre un milione e 250 mila euro) sono state indirizzate a volontariato, filantropia e beneficenza, seguono sviluppo locale (un milione circa), arte, attività e beni culturali (899 mila euro), educazione e istruzione (quasi 848 mila euro), salute pubblica (400 mila euro) ed infine ricerca scientifica e tecnologica (377 mila euro).

Tra i vari interventi dell’ultimo anno ricordati da Carlini, i finanziamenti a sostegno del potenziamento dell’ospedale Santa Maria, quelli a favore del Polo scientifico didattico di Terni, l’attivazione del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, la prosecuzione dell’ attività di ricerca nell’area archeologica di Carsulae, la valorizzazione e conservazione di

importanti beni storici ed artistici, oltre all’ acquisto di nuove opere d’arte per ampliare la Raccolta della Fondazione.

In merito ai progetti più rilevanti per il futuro, Carlini ha invece assicurato “attenzione massima e impegno” da parte della Fondazione nell’intervento di recupero del Teatro Verdi, oltre al contributo nella riqualificazione della Fontana di Piazza Tacito e al consolidamento del sostegno a favore dell’istituto musicale Briccialdi. Obiettivo della Fondazione è anche quello di consolidare il proprio patrimonio che, a fine 2017, dovrebbe ammontare intorno ai 200 milioni di euro.