Dopo lo sforzo profuso lo scorso anno, con agevolazioni che hanno comportato una riduzione delle tasse di oltre trecentomila euro, gli organi di governo dell’Università degli studi di Perugia hanno deliberato l’accoglimento parziale dell’istanza avanzata dal Consiglio degli studenti, reiterando per questo anno accademico l’esonero dal pagamento delle tasse universitarie per tutti gli studenti residenti nei comuni del cosiddetto “cratere” e compresi nelle fasce Isee di maggiore fragilità economica, ossia fino a 30.000 euro.

La decisione è stata assunta nelle odierne sedute del senato accademico e del consiglio di amministrazione.

La stessa misura è stata estesa anche agli studenti residenti nei comuni di Teramo, Rieti, Ascoli Piceno, Macerata, Fabriano e Spoleto. Condizione necessaria, in questo caso e come per l’anno passato, sarà la presentazione dell’attestazione della inagibilità dell’abitazione di residenza, a riprova dell’effettivo danno subìto.