“Ancora una volta i lavoratori e gli studenti pendolari di Terni, che debbono recarsi giornalmente fuori dalla nostra città ed in particolare verso Roma per motivi di lavoro e studio, sono penalizzati da decisioni sbagliate prese unilateralmente dalla Regione dell’Umbria e da Trenitalia”. A denunciarlo in una nota è Franco Todaro, presidente di Federconsumatori Terni. “Nei giorni scorsi – spiega Todaro – tramite un comunicato, Trenitalia avvisava i pendolari di aver sospeso da un giorno all’altro l’erogazione della carta Tuttotreno con gli sconti e le modalità previste nell’accordo siglato dalla Federconsumatori di Terni e dal Comitato Pendolari il giorno 23 febbraio 2017. È del tutto evidente che quanto sopra aggrava di non poco l’esborso economico necessario per l’abbonamento”. A fronte di questa decisione, Federconsumatori ha richiesto all’assessore ai Trasporti della Regione dell’Umbria un incontro urgente per la verifica dell’accordo precedente, al fine di risolvere il problema per tutto il 2017 ed impostare una soluzione corretta per il 2018. “Ma ad oggi – continua Todaro – Federconsumatori non ha ricevuto alcuna risposta e questo denota scarsa correttezza e credibilità dell’Assessore nei rapporti con le Associazioni dei consumatori. Pertanto – conclude il presidente di Federconsumatori Terni – qualora non vi sia risposta a quanto richiesto, attiveremo tutte le forme di mobilitazione e protesta necessarie a rimuovere tale atteggiamento di poco rispetto e regolarizzare i rapporti con l’Istituzione Regionale al fine di risolvere i problemi sopracitati”.