Sciopero alla Perugina il 27 settembre prossimo, in occasione della convocazione del tavolo presso il Ministero dello Sviluppo Economico. Lo hanno proclamato i sindacati dopo che nelle assemblee generali lavoratrici e lavoratori dell’azienda hanno manifestato una “forte preoccupazione verso l’atteggiamento della Nestlé in merito alla vertenza in atto”.

E’ emersa – si legge in una nota della rsu – la necessità di “una mobilitazione che parta proprio dalla fabbrica, tesa a rafforzare le posizioni della rappresentanza sindacale unitaria” nel giorno del tavolo al Mise. “Crediamo altresì – prosegue il comunicato – che le istituzioni territoriali così come le forze politiche e sociali debbano aderire a questa mobilitazione rimarcando la centralità della Perugina per tutto il territorio”.

Il 28 settembre sono convocate le assemblee generali alla presenza delle segreterie nazionali di Flai-Cgil, Fai-Cisl e Uila-Uil per esaminare l’andamento dell’incontro e per valutare eventuali ulteriori iniziative.