E’ salita al 75% la raccolta differenziata dei rifiuti a Terni. Il dato, comunicato dall’Asm, si riferisce allo scorso mese di luglio. L’azienda municipalizzata, sottolinea come si tratti di un fatto davvero positivo per il capoluogo della Provincia ternana, che ha visto aumentare, in maniera costante, la percentuale di raccolta dal mese di marzo, allora ferma al 70,9. Si conferma inoltre, un trend positivo sulle percentuali di raccolta differenziata dei rifiuti urbani in tutti i Comuni gestiti dall’Asm.

“Terni – ha detto il Presidente dell’azienda Carlo Ottone – è tra le prime città in Italia di media grandezza con percentuali così ragguardevoli in fatto di raccolta differenziata, che vanno oltre la soglia del Piano Regionale sui Rifiuti”. Con l’attuazione del porta a porta – aggiunge il Presidente dell’Asm – le quantità di rifiuti urbani conferiti in discarica sono scesi da 68mila T/anno del 2015, agli attuali 29mila in proiezione 2017 e sono stati creati oltre 100 nuovi posti di lavoro diretti ed indiretti, mantenendo inalterato il costo del Servizio verso la cittadinanza”.