Il presidente di TerniEnergia, Stefano Neri, ha manifestato oggi ai sindacati la volonta’ di rivedere i termini della procedura di licenziamento collettivo avviata dall’azienda a fine agosto, offrendo disponibilita’ a cercare soluzioni meno impattanti. Secondo una nota di Filctem Cgil, Flaei Cisl e Ugl Chimici, Neri lo avrebbe reso noto nel corso di un incontro che si e’ svolto in mattinata. Il presidente, dopo aver informato le tre sigle sull’esito dell’ultimo cda della societa’ che ha portato alla sfiducia e alle dimissioni dell’amministratore delegato, Piero Manzoni, ha quindi richiesto l’aggiornamento del tavolo per avere il tempo di analizzare l’attuale situazione complessiva. Le parti, cogliendo positivamente l’impegno del presidente di TerniEnergia, hanno dato disponibilita’ a rivedersi il 25 settembre prossimo.