Mettera’ a disposizione anche quest’anno 150 mila euro il nuovo bando Fud, il Fondo utenze deboli, finanziato da Auri e Sii per aiutare, in provincia di Terni, chi e’ in difficolta’ a pagare la bolletta idrica. Il bando e’ uscito lunedi’ e sara’ in vigore fino al 30 novembre. Ad esso possono accedere i titolari di utenze domestiche residenti che nel 2016 certifichino le condizioni di disagio sociale ed economico tramite reddito annuo Isee non superiore a 12 mila euro.

Agli incentivi economici possono avere accesso anche le organizzazioni di volontariato onlus e le associazioni di promozione sociale che gestiscono immobili in cui vengono ospitate, a fini abitativi, persone o nuclei familiari in disagio socio economico.

“Siamo soddisfatti – affermano il presidente del Sii, Stefano Puliti, e l’amministratore delegato, Alessandro Carfi’ – per essere riusciti a dare continuita’ temporale a questa esperienza e a confermarla anche quest’anno, grazie al nostro impegno e a quello di Auri e all’importante collaborazione delle associazioni dei consumatori. Il Fud e’ ormai un’iniziativa strutturale e che si e’ consolidata nel tempo”.

Tutte le informazioni per presentare domanda quest’anno sono sulla “home page” del sito internet www.siiato2.it. Il modello di domanda si puo’ reperire anche al “front office” Sii e agli sportelli dislocati nei comuni, presso le associazioni dei consumatori (Adoc, Adiconsum, Federconsumatori, CittadinanzaAttiva, Lega dei Consumatori), all’Ati, agli uffici di cittadinanza dei Comuni e nei Comuni stessi, agli uffici protocollo.

Le domande di accesso al fondo ammesse l’anno scorso sono state 1.409, due anni fa ne furono accolte invece 1.429 per 4.385 persone coinvolte. Fino ad oggi, considerando tutte le edizioni (compresa l’attuale), il bando per le utenze deboli ha portato allo stanziamento di circa 800 mila euro.