Si dicono ancora “convinti che la sospensione del servizio” sulla linea ferroviaria ex Fcu “doveva e poteva essere evitata” i sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal, Fna Ugl e Orsa, in una nota congiunta diffusa dopo il loro incontro con la dirigenza di Umbria Mobilità. “Dalla riunione sono emerse numerose criticità”, dicono le OO. SS. Secondo le quali “se da una parte appare chiaro il percorso a lungo termine, con il subentro di Rfi come gestore della linea ed esecutore materiale dei lavori strutturali previsti, dall’altra non possiamo girarci dall’altra parte rispetto a quanto sta avvenendo”. Per i sindacati, “probabilmente se si fosse fatta la manutenzione corrente si sarebbe evitata la chiusura e gli interventi strutturali previsti (51 milioni di euro) sarebbero stati svolti in continuità di esercizio”.