Sono circa 9 mila e 200 in Umbria le cartelle esattoriali delle quali, nel periodo di Ferragosto, l’Agenzia delle entrate-Riscossione sospendera’ l’invio per ridurre al minimo i disagi in un periodo particolare dell’anno. Circa 280 invece gli atti inderogabili che dovranno essere, comunque, inviati.

A Perugia e provincia – ha reso noto l’Agenzia delle entrate – saranno sospesi complessivamente 6.572 cartelle e avvisi, mentre a Terni sono 2.652 gli atti.

L’Umbria con 9.224 sospesi e’ al 15/o posto nella speciale classifica regionale “zero-cartelle”.

Tra le province, Perugia e’ al 16/o posto subito dopo Cagliari e Sassari, Terni invece si posiziona 53/a.

Lo stop estivo si aggiunge alla sospensione degli atti di riscossione gia’ prevista per alcuni comuni dell’Umbria dalla legge sugli interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dal sisma.