L’Asm Terni spa entra nel novero delle migliori utilities italiane. Grazie al progetto comunitario Nobel Grid, l’azienda e’ stata inserita nel primo censimento delle migliori pratiche nei servizi pubblici realizzato da Utilitalia, la federazione che riunisce 500 imprese italiane del settore idrico, energetico e ambientale.

Un risultato, questo, che accompagna il percorso che Asm Terni ha da tempo intrapreso nello sviluppo di tecnologie innovative per garantire servizi pubblici sempre piu’ efficaci ed al passo con i tempi.

Nello specifico al progetto Nobel Grid Asm partecipa per sviluppare, implementare e valutare le nuove tecnologie applicate alla gestione della rete elettrica, ottenendo benefici economici per gli utenti ed una maggiore sostenibilita’ per l’ambiente, con l’utilizzo di Internet per la gestione delle misure di energia.

Il consorzio Nobel Grid si compone di 20 partner e coinvolge 12 Paesi europei (Danimarca, Germania, Olanda, Belgio, Spagna, Portogallo, Austria, Svezia, Grecia, Romania, Regno Unito e Italia).

“Le scelte che abbiamo fatto – spiega il presidente della partecipata, Carlo Ottone – vanno incontro all’ammodernamento della citta’ e nello stesso tempo, all’accrescimento delle competenze dell’azienda; questo percorso intrapreso inserisce ormai da diversi anni l’azienda in progetti all’avanguardia nello sviluppo dei servizi al cittadino, una grande risorsa ternana messa a disposizione non solo della nostra citta’ ma anche di molte aziende europee che oggi si confrontano sul mercato internazionale”.