Oltre duemila posti letto disponibili, con soggiorni gratuiti di due notti per coppie e famiglie, e un ricco programma di eventi che si snoderanno in tutti gli otto comuni del comprensorio del Trasimeno, dal 26 al 28 maggio: è tutto pronto per il debutto di “Porte aperte al Trasimeno”, la manifestazione ideata e organizzata dall’Urat-Unione Ristoratori Albergatori del Trasimeno. La prima edizione è stata presentata nel Salone d’Onore di Palazzo Donini, a Perugia, dal presidente dell’Urat Michele Benemio con una conferenza stampa alla quale è intervenuta la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, alla presenza di sindaci e amministratori dei Comuni del comprensorio lacustre: Castiglione del Lago, Città della Pieve, Magione, Paciano, Panicale, Passignano sul Trasimeno, Piegaro e Tuoro sul Trasimeno.

“Il comprensorio del Trasimeno si candida quale volano per il rilancio del turismo nell’intera regione in vista della stagione estiva – ha sottolineato il presidente dell’Urat, Benemio – Il nostro territorio, ‘perla’ dell’Umbria e porta d’ingresso per turisti italiani e stranieri, registra una permanenza media di 6,5/6,7 giorni, un dato importante anche perché chi soggiorna nelle nostre strutture visita poi tutta l’Umbria, che noi promuoviamo nella sua interezza quale è, magnifica e unica”.

“Abbiamo pensato a questoevento – ha aggiunto – quale trainante per riportare i turisti nella nostra regione, puntando non solo sulle eccellenze del territorio, ma sulla collaborazione fra privato e pubblico e sull’integrazione delle iniziative. La valorizzazione del territorio deve necessariamente coinvolgere istituzioni, associazioni, operatori economici. Le strutture aderenti – ha specificato – offrono oltre duemila posti letto, con un investimento complessivo fatto volontariamente di oltre 50mila euro, con un’offerta di eventi preparata con un grande lavoro di squadra insieme a Comuni e associazioni”.

“Un’iniziativa importante per il Trasimeno, i Comuni, gli operatori turistici e per la nostra regione nel suo insieme” ha detto la presidente della Regione Catiuscia Marini, ringraziando “in primo luogo l’Urat, i suoi associati, i titolari delle strutture che hanno contribuito a pensare e a finanziarla con investimenti privati significativi”.

“È molto importante – ha aggiunto – perché contribuirà a ristabilire un clima di fiducia da parte dei visitatori verso una regione che è accogliente e agibile e che torna ad essere sempre più accessibile nelle sue strutture anche nella parte più colpita dagli eventi sismici”.

“Il Trasimeno – ha ricordato – è, insieme ad Assisi e a Perugia, porta d’ingresso per oltre due dei tre milioni di turisti che vengono in Umbria. Sta qui il ‘cuore’ delle scelte da fare per il rilancio del turismo. Questa parte dell’Umbria, che spicca per i risultati in termini di permanenza turistica, ci ha aiutato con la sua grande capacità di accoglienza e di solidarietà ospitando i cittadini delle zone terremotate e oggi, con questo evento di eccellenza, ci aiuta a promuovere il lago e l’intera regione”.

“Le stime dell’andamento turistico di questo mese, in particolare nell’area del Trasimeno – ha detto ancora la presidente – sono positive, anche se ancora non si è tornati alle presenze del presisma. Dobbiamo mettere in atto ogni possibile azione per consolidare il ritorno dei turisti nella regione e confidiamo che la risposta a questa iniziativa del comprensorio del Trasimeno sia significativa. La Regione è pronta a dare tutto il suo supporto anche in termini di comunicazione. Se sarà un successo per il Trasimeno – ha concluso – lo sarà per tutta l’Umbria”.