Alla fine ha prevalso il SI, anche se con un margine contenuto. I lavoratori dei siti umbri dell’ex gruppo Novelli, oggi Alimentitaliani, hanno infatti approvato l’ipotesi di accordo, sottoscritta nei giorni scorsi, a Roma, presso la sede del Mise, da azienda e sindacati. Complessivamente il Si all’intesa, ha infatti ottenuto 105 voti, contro gli 88 no, mentre in otto si sono astenuti. In particolare nel sito di Spoleto sono stai registrati 50 si’ e 38 no, (sei gli astenuti), ad Amelia 26 si’ e 18 no, nel sito di Casalta 16 si’ e un astenuto.

L’unico sito dove ha prevalso il No è quello di Terni, con 32 voti, 11 i si’ ed una astensione. Un voto scaturito, in particolare, tra i lavoratori che l’azienda, dopo la sospensione dello sciopero cui gli stessi dipendenti avevano aderito durante la vertenza, ha messo in ferie forzate fino al 14 maggio. Nei prossimi giorni i referendum si svolgeranno anche negli altri siti aziendali di Lombardia e Lazio.