“E’ sicuramente un fatto molto positivo che il bilancio dell’Ast di Terni sia tornato a produrre un utile nell’anno fiscale 2015-2016 tanto da far uscire l’industria ternana dalla lista delle Aziende italiane in crisi”. E’ la sintesi del pensiero espresso dal vicepresidente della Regione Umbria con delega allo sviluppo economico ed all’industria, Fabio Paparelli, e dal sindaco di Terni, Leopoldo Di Girolamo, dopo l’incontro, che si è svolto al Ministero dello Sviluppo economico, in cui l’Ast ha appunto presentato il suo bilancio consuntivo ai rappresentanti dello stesso Ministero, della Regione, degli enti locali e delle Organizzazioni sindacali. “Vogliamo esprimere tutto il nostro apprezzamento – hanno aggiunto il vicepresidente Paparelli e il sindaco Di Girolamo – per il risultati raggiunti che sono coerenti con gli impegni assunti dall’Azienda rispetto al Piano industriale che avevamo concordato con tutte le parti interessate. L’auspicio – hanno sottolineato – è che questo risultato si consolidi e si rafforzi ulteriormente anche grazie alle opportunità che saranno offerte dalle misure previste nel programma per l’area di crisi complessa Terni-Narni insieme a quelle che vengono dai provvedimenti dedicati all’industria ‘4.0″.