“L’Umbria vuole rialzarsi e ripartire anche sotto il profilo turistico. È il messaggio che l’Umbria del turismo ha lanciato dal World Travel Market di Londra, uno degli appuntamenti mondiali più importanti per gli operatori del turismo, forte dei suoi 50 mila partecipanti provenienti da 182 Paesi e degli oltre 100 mila visitatori. Una vetrina alla quale la Regione, in collaborazione con Sviluppumbria, ha partecipato con una serie di eventi in cui si è cercato di fare chiarezza sulla situazione legata ai recenti eventi sismici e ha promosso sul mercato inglese i due nuovi “prodotti” dei “Cammini” e del “wedding”.

Il vicepresidente della Regione e assessore al turismo, Fabio Paparelli, ha sottolineato come l’Umbria voglia ripartire dallo scorso 24 agosto che aveva fermato le lancette del turismo ad un +10 % di arrivi e presenze, a testimonianza di un piccolo boom turistico, con una crescita doppia a quella del paese. “Ci stanno arrivando segnali di vicinanza da tutto il mondo – ha detto nel corso della conferenza stampa alla quale hanno preso parte anche il sottosegretario al Turismo Dorina Bianchi, l’Ambasciatore d’Italia per il Regno Unito Pasquale Terracciano e i due sindaci di Torino e Milano, Chiara Appendino e Giuseppe Sala – ma ritengo che un ulteriore gesto di solidarietà sia quello di contribuire a far ripartire il turismo nella nostra terra, perché al di là della porzione di territorio colpita dal sisma dove peraltro non si sono registrate vittime o feriti, l’Umbria è in grado di accogliere turisti in molte splendide località in piena sicurezza. Il cuore verde d’Italia – ha aggiunto – continua dunque a pulsare, con le sue grandi bellezze”.