Il “Pacchetto Adulti”, attivo dal 15 settembre, si rivolge a disoccupati di almeno 30 anni di età, iscritti da oltre 6 mesi ai Centri per l’Impiego regionali (12 se trattasi di disoccupati non residenti), oltre cheai percettoridi ammortizzatori sociali, in termini di assegno di ricollocazione. L’accesso alle misure previste da questo pacchetto avviene tramite il portale ‘Lavoro per te’ che determina l’ordine per l’appuntamento al Centro per l’impiego e la presa in carico e le misure di politica attiva vengono stabilite sulla base delle risultanze dell’orientamento. Anche in questo caso a coloro che sono privi di qualifiche spendibili verrà offerto un voucher formativo per la frequenza di corsi presenti nel Catalogo Unico Regionale dell’offerta formativa, per l’acquisizione di una qualificazione mentre chi è già in possesso di una qualifica spendibile potrà accedere ad un tirocinio extracurriculare per favorire il reinserimento. Per i soggetti disoccupati da più tempo, target che necessita di strumenti particolarmente efficaci per il reinserimento, saranno previsti percorsi formativi integrati da esperienze in contesto lavorativo. Ogni misura prevede una riserva del 50% a favore dei target più deboli quali gli over 45 disoccupati da oltre 24 mesi e i disabili. Tra le misure di tirocinio 1,5 milioni di euro sono riservati a soggetti con ISEE inferiore a 6.000. “Le imprese che assumono un partecipante alle misure di politica attiva entro 6 mesi dal termine del percorso con contratti a tempo determinato di durata almeno pari a 12 mesi, anche in somministrazione, o con contratti a tempo indeterminato Così come avviene per il pacchetto giovani – ha spiegato il vicepresidente della Giunta regionale con delega allo sviluppo economico Fabio Paparelli – beneficiano di un bonus occupazionale variabile da 2.500 a 10.000 euro sulla base del contratto di lavoro, dell’età, dell’anzianità di disoccupazione e della presenza di disabilità. In alternativa sono previste misure formative e di affiancamento per la creazione d’impresa che portano anche all’accesso al microcredito”. Per ulteriori informazioni si possono contattare i Centri per l’Impiego di Terni, Perugia, Città di Castello e Foligno.