Il budget complessivamente attribuito al sostegno agli investimenti delle imprese è pari a 1.130.000 euro, con riserva di incrementare la dotazione finanziaria ad esito del determinarsi di ulteriori disponibilità derivanti da rinunce o revoche o da minori realizzazioni, anche riferibili a progetti presentati in precedenti edizioni dell’avviso. Il finanziamento agevolato è concesso senza interessi od oneri tramite Sviluppumbria, società “in house” della Regione Umbria. Le domande di finanziamento sono ammesse sulla base dell’ordine cronologico di presentazione dei progetti e seguite da un’istruttoria valutativa tesa ad accertare la coerenza del progetto, gli impatti occupazionali, l’attivazione dello strumento nelle aree di crisi o nei settori chiave dell’economia regionale, l’esperienza manageriale dei proponenti, la sostenibilità economico-finanziaria del progetto, con un punteggio minimo che deve essere conseguito pari a 60 punti su una scala di 100. “Con questo strumento – spiega il vicepresidente Fabio Paparelli – intendiamo finanziare programmi di investimento di PMI umbre di importo minimo pari a 80.000 euro, attraverso la concessione di finanziamenti a tasso zero della durata massima di 5 anni, che possono coprire, in funzione delle diverse tipologie di imprese, dal 50 al 70% del programma di investimenti. Trattandosi di opportunità connessa all’attuazione dei programmi dei fondi strutturali relativi alla precedente programmazione, le domande di contributo potranno essere presentate fino al 30 ottobre 2016, mentre gli investimenti dovranno essere realizzati entro il 31 dicembre di quest’anno. Sono ammissibili – sottolinea Paparelli – investimenti relativi a macchinari ed attrezzature, impianti produttivi, capitale circolante nel limite del 20% delle spese per impianti produttivi; acquisto e ristrutturazione di immobili in coerenza con il programma di sviluppo; consulenze tecniche relative a innovazione di prodotto e di processo, organizzative e di mercato, nel limite del 10% delle spese per macchine ed impianti”. Le richieste di contributo dovranno essere presentate a Sviluppumbria.