Si consolida la moderata ripresa dell’economia ternana che si era cominciata a manifestare nella prima parte dell’anno. Nel secondo semestre 2015, infatti, gli indicatori economici analizzati confermano l’avvio di un’inversione di tendenza dopo il prolungato periodo negativo degli anni precedenti. È quanto emerge dal nuovo rapporto, aggiornato al 31 dicembre 2015, dell’Osservatorio provinciale istituito in Prefettura, al quale partecipano Istat, Regione Umbria, Camera di Commercio, INPS e Direzione Territoriale del Lavoro, con il contributo informativo della Banca d’Italia. Negli ultimi due trimestri del 2015 – si legge nel documento – si è arrestata la contrazione del numero delle imprese attive iscritte nei registri camerali, anche se manifattura e costruzioni si confermano i settori maggiormente interessati dalla flessione. Nel terziario si registrano segnali di nuova vivacità delle attività imprenditoriali, soprattutto nei comparti dei servizi alle persone. Nel commercio con l’estero, il 2015 segna una ripresa sia delle esportazioni che delle importazioni, con una tendenza ancora più accentuata nel secondo semestre dell’anno. Il mercato del lavoro si mostra maggiormente dinamico rispetto al passato, con la crescita del numero degli occupati e la diminuzione delle persone in cerca di occupazione. L’andamento positivo è confermato dalla ripresa dei rapporti di lavoro attivati presso i centri per l’impiego; la variazione è positiva soprattutto per quanto riguarda i contratti a tempo indeterminato ed interessa sia l’industria che il terziario. Diminuiscono le ore di cassa integrazione guadagni, sia ordinaria che in deroga, mentre è aumentato il ricorso alla cassa straordinaria. Con riferimento al credito, prosegue il rapporto dell’osservatorio, il mercato ha evidenziato segnali di ripresa caratterizzati da un incremento delle erogazioni di prestiti bancari. La qualità del credito è stabile, mentre il numero dei protesti è diminuito sia come consistenza che come valore. Indicazioni positive anche dal settore turistico, caratterizzato da una ripresa degli arrivi e delle presenze negli esercizi ricettivi, sia dei clienti italiani che di quelli stranieri.