Si è svolto a Roma il Coordinamento del Gruppo Novelli per preparare l’incontro del 27 aprile prossimo alla Sede del Ministero dello sviluppo economico, a Roma. Oltre alle organizzazioni sindacali di categoria di FAI CISL, FLAI CGIL e UILA UIL e le Rsu dei siti, era presente – a nome del Cda – Alberto Alfieri, che ha spiegato come il percorso di ingresso dei nuovi soci sia previsto tra il giugno ed il dicembre prossimi.

Il rappresentante aziendale ha anche fatto rilevare come – ad oggi – non sia ancora arrivato il milione e mezzo di euro dei fondi del Piano Sviluppo Rurale della Regione, cifra “indispensabile – è stato detto – per essere reinvestita negli allevamenti. I sindacati, oltre a chiedere ulteriori garanzie in merito al pagamento delle spettanze contrattuali, si sono detti preoccupati per il mancato arrivo di questi fondi ed hanno sollecitato la Regione affinché, “in maniera rapida e costruttiva, assolva agli impegni riportati nel PSR”.

Confermato, inoltre, dalle 17 alle 20 del 27 aprile prossimo, il presidio dei lavoratori del Gruppo Novelli davanti alla sede del Mise in occasione del tavolo di confronto ministeriale.

E non si è fatta certo attendere la risposta della Regione. In una propria nota, l’ente spiega infatti che “in merito alle preoccupazioni espresse dai sindacati sulle risorse regionali destinate al Gruppo Novelli, la Regione Umbria conferma l’ammissione dell’azienda ai contributi e informa che è a cura dell’azienda ottemperare alla procedura di rendicontazione degli investimenti oggetto di contributo, così come, da notizie informali, risulta stia avvenendo in questi giorni”.