L’Elettrocarbonium ha inviato a SGL Carbon, al Ministero dello Sviluppo Economico, alla Regione Umbria e al Sindaco di Narni una proposta conclusiva, che in una nota definisce finalizzata al proseguo dell’attività industriale dello stabilimento di Narni. I punti salienti della proposta sono la cessione degli assets immobiliari ed industriali da SGL ad Elettrocarbonium al prezzo concordato nel gennaio 2015; trasferimento all’Elettrocarbonium delle somme utili per effettuare i lavori di bonifica in continuità produttiva, secondo i valori approvati in conferenza di servizi; impegno di Elettrocarbonium a garantire la prosecuzione dell’attività aziendale con il progressivo riassorbimento della forza lavoro e a rispettare, quindi, il requisito della bonifica in continuità; impegno di Elettrocarbonium a farsi carico di eventuali incrementi di costi correnti in relazione ai lavori già preventivati ed approvati dalla conferenza di servizi. La chiusura del negoziato, è scritto nella proposta, dovrà essere perfezionata entro il 19 febbraio 2016, termine ultimo per non compromettere definitivamente la continuità produttiva di Elettrocarbonium. Elettrocarbonium auspica che Sgl dia un riscontro positivo al negoziato e non impedisca la prosecuzione dell’operatività e lo sviluppo futuro dell’area industriale di Narni, conclude, rendendo vani tutti gli sforzi sin qui fatti.