Sono oltre 1.200 i chilometri di fognature controllati nel 2015 dal personale del SII, il Servizio Idrico Integrato, su tutto il territorio provinciale ternano. L’azione di verifica, messa in atto con la collaborazione della Polizia Provinciale e dell’Arpa, ha inoltre interessato 122 impianti di depurazione e 170 fosse settiche ad uso pubblico.

“Si è trattato di un lavoro difficile e complicato – ha affermato il presidente del SII, Stefano Puliti – che potrebbe andare incontro ad ulteriori problemi nel caso in cui l’importante apporto della Polizia provinciale venisse meno a causa delle riforme in corso per le Province”.

Nel corso dell’anno è stato inoltre costante anche il controllo sulle attività economiche potenzialmente impattanti con l’ambiente. “In quest’ambito – hanno spiegato il Presidente Puliti e il direttore generale Paolo Rueca – i controlli hanno interessato quasi 20.000 attività”. Da rilevare, poi, il forte impegno nell’opera di sensibilizzazione di soggetti privati per portarli a conoscenza delle normative esistenti. Oltre a quelle autorizzate, il Sii ha infatti mantenuto alta l’attenzione su tutte le attività per intercettare in tempo utile eventuali anomalie nei sistemi fognari e di depurazione e per individuare, ove possibile, la sussistenza di violazioni alle norme che regolano il settore.

“Il nostro sforzo – concludono Puliti e Rueca – ha avuto come obiettivo quello di garantire il massimo dell’attenzione su questa delicata materia, a tutela dell’ambiente e a salvaguardia della salute pubblica”.