Ati, Servizio idrico integrato ed associazioni dei consumatori hanno chiuso ufficialmente il Fondo utenze deboli 2014 stilando la nuova graduatoria dei beneficiari. Verranno concessi a partire da lunedì, ai quasi 1.200 utenti ammessi al finanziamento, i contributi del Fondo utenze deboli per il pagamento della bolletta dell’acqua promosso da Ati 4 e Sii di Terni. Il fondo 2015 (per le bollette del 2014) prevedeva un finanziamento di 150 mila euro per il sostegno a favore di utenze domestiche che versano in condizioni di disagio sociale ed economico (famiglie con Isee inferiore o uguale a 12.000 euro), alle organizzazioni di volontariato Onlus e associazioni di promozione sociale. Le richieste di partecipazione al fondo arrivate entro il 30 settembre scorso sono state 1.430, mentre gli utenti ammessi e finanziati sono stati 1.198. Per 45 utenti, vista l’insufficienza delle risorse, non è stato invece possibile procedere al finanziamento. Cento euro il contributo medio concesso. “Anche quest’anno, per la terza volta, abbiamo dato un sostegno importante ad oltre mille famiglie del territorio” ha commentato, durante la presentazione dei dati, il presidente del Sii Stefano Puliti. “Siamo gli unici a livello regionale e tra i pochi a livello nazionale – ha continuato – a garantire questo servizio, che proseguirà anche il prossimo anno, con la speranza che le risorse a disposizione possano aumentare ulteriormente”.