Il mese di agosto ha fatto registrare una variazione congiunturale positiva pari a 0,2%, sul fronte dell’andamento dei prezzi al consumo, che ha contribuito a riportare anche a Terni, con un trimestre di ritardo rispetto alla media nazionale, il valore dell’inflazione a zero dopo un anno esatto di deflazione. Lo si legge nel consueto comunicato che fa seguito alla rilevazione mensile dell’indice dei prezzi al consumo a cura dei servizi statistici del Comune di Terni, dopo la riunione della Commissione comunale che si è svolta oggi. La stagionalità legata al periodo di ferie estive – specifica il comunicato – ha condizionato il rialzo dei prezzi soprattutto per quanto riguarda prodotti e servizi inerenti i trasporti passeggeri, soggiorni e attività legate alle vacanze. La diminuzione del costo del petrolio ha fatto invece calare ulteriormente, anche se non in proporzione, i prezzi dei carburanti e del gasolio per riscaldamento che anche rispetto allo scorso anno risultano avere un costo molto più contenuto pari al 10/15% in meno. Tornano a salire anche i prezzi dei prodotti alimentari, in particolare quelli di frutta e verdura.