Dopo l’approvazione da parte della Commissione Europea del Piano di Sviluppo rurale dell’Umbria 2014-2020, avvenuta nel giugno scorso, e la costituzione del Comitato di Sorveglianza del stesso Piano di sviluppo rurale, si compie, ora, un altro importante passo in avanti, nel complicato percorso che porterà ad un rapido e tempestivo avvio delle procedure di attuazione degli interventi previsti.

La Giunta regionale, su proposta dell’assessore alle politiche agricole Fernanda Cecchini, ha provveduto, infatti, ad approvare i criteri di selezione delle operazioni finanziate nell’ambito del PSR.

“Con questo atto – rileva l’assessore Cecchini – saremo in grado di attivare gran parte delle misure previste e dunque consentire alle imprese ed ai soggetti interessati di accedere agli aiuti previsti dal Piano. L’Umbria è tra le prime regioni italiane che ha ricevuto l’approvazione del Psr, ha attivato il Comitato di Sorveglianza ed ha definito i criteri di selezione”.

Il Comitato di Sorveglianza, nella seduta del 22 luglio scorso che si è tenuta ad Orvieto, aveva già espresso parere favorevole sui criteri di selezione degli interventi finanziati nell’ambito del Programma stesso e dunque la Giunta Regionale ha potuto adottarli.

Ora le relative misure del PSR per l’Umbria 2014-2020, potranno essere attivate mediante l’emanazione di specifici avvisi pubblici. I criteri selezionati saranno validi, specifica il provvedimento della Giunta, anche per gli avvisi pubblici già emanati, relativi agli interventi della Misura 4 del Piano di Sviluppo Rurale, concernenti gli “Investimenti e immobilizzazioni materiali” che ovviamente dovranno adeguarsi alle nuove norme, attraverso le necessarie modifiche ed integrazioni.

“Entro il prossimo mese di settembre – ha concluso l’assessore Cecchini – saremo in grado di approvare i criteri anche per le misure (ad esempio i bandi riguardanti gli interventi di competenza dei Gal dell’Umbria) che non sono comprese in questa prima delibera”.

L’atto entrerà in vigore con la pubblicazione nel Bollettino Ufficiale e sul sito web della Regione Umbria.