Prezzi tendenzialmente ancora in calo, a Terni, anche nello scorso mese di marzo.

“Un andamento – spiega la Commissione comunale di controllo sui Prezzi – che fa intravedere un rallentamento della tendenza deflazionistica e che può essere letto come uno dei primi timidi segnali di ripresa dell’economia.

Il rapporto della Commissione evidenzia come dopo un autunno definito “nero”, soprattutto per Terni, la variazione tendenziale dei prezzi rispetto a gennaio si sia dimezzata passando dal -1 all’attuale -0,5%, mentre la variazione congiunturale, a marzo, resta positiva attestandosi a +0,1%”.

Un altro elemento favorevole, in grado di spiegare come la situazione stia cercando di invertire la tendenza sinora negativa, è poi rappresentato dalla risalita della curva che disegna l’andamento dei prezzi dei beni alimentari.

Il rapporto elaborato dalla commissione comunale di controllo sui prezzi, spiega ancora che “dopo nove mesi nei quali il capitolo Prodotti Alimentari e bevande analcoliche ha sempre avuto variazioni con segno negativo, ovvero prezzi dei prodotti in vendita presso i vari esercizi commerciali presenti nella città più bassi rispetto all’anno precedente, siano ormai 5 mesi che si è avuta un’inversione di tendenza e sia a febbraio che a marzo l’incremento dell’indice dei prezzi al consumo è stato consistente”.