Incontro operativo, all’Ast di Terni, tra azienda e Rsu per discutere di alcuni aspetti relativi alla gestione della fabbrica dopo l’accordo siglato la settimana scorsa, a Roma, presso la sede del Ministero dello Sviluppo Economico.

Sul versante del personale, al 31 dicembre prossimo i lavoratori dell’Ast, controllate escluse, saranno poco meno di 2.000 unità, 1.986 per la precisione, 275 in meno rispetto al giugno scorso. Mancano, ancora, altri 30 esuberi volontari da ultimare, tutti tra gli impiegati.

Capitolo stipendi: il pagamento della mensilità di novembre avverrà tra il 15 e il 17 dicembre, mentre la tredicesima potrà essere liquidata entro il 27. Slitta invece a gennaio la corresponsione dello stipendio di dicembre.

Per quanto riguarda invece la produzione, è stato spiegato che i volumi di dicembre, previsti intorno alle 86 mila tonnellate, dovrebbero permettere allo stabilimento di lavorare per tutto il mese, esclusi i festivi, mentre ci sarà la possibilità di accedere ancora alla mobilità incentivata entro il 3 marzo prossimo, ad esclusione degli operai qualificati.