Si svolgerà domani mattina al Mise un tavolo congiunto fra azienda e sindacati nell’ambito della trattativa per la vertenza sulle acciaierie di Terni.
Lo riferiscono fonti sindacali, mentre oggi è in corso al ministero un incontro tra governo e sindacati propedeutico a quello cui domani parteciperà anche l’azienda.
Tra i nodi da sciogliere, il funzionamento dei due forni del sito Ast Terni. Secondo i sindacati l’azienda ne ha garantito la produzione solo per un biennio senza garanzie per gli anni a venire.
Dopo la rottura delle trattative tra sindacati e azienda a inizio ottobre, l’Ast – che vuole economie per 100 milioni di euro, anche attraverso tagli ai costi del personale – ha avviato la procedura di messa in mobilità per oltre 530 dipendenti.
Mentre la trattativa prosegue in Italia, la prossima settimana una delegazione sindacale si recherà in Germania per incontrare i vertici della Thyssen Krupp.