Dati davvero impietosi quelli che emergono dall’aggiornamento congiunturale del rapporto della Banca d’Italia per l’anno 2014.

“In Umbria, nel corso dell’anno che sta volgendo al termine – hanno spiegato i vertici di Bankitalia in una conferenza stampa – la recessione è continuata. Situazione, questa, che ha fatto peggiorare il clima di fiducia delle imprese alimentando l’ulteriore contrazione dell’occupazione (il cui tasso è sceso al minimo storico) mentre la disoccupazione ha raggiunto il livello piu’ elevato degli ultimi 20 anni”.

Inoltre – secondo il rapporto della Banca D’Italia – il credito all’economia si e’ ridotto e la sua qualita’ si e’ ulteriormente deteriorata.

In questa difficile situazione, spicca l’unico dato positivo in Umbria, quello del turismo, con le presenze che sono tornate ad aumentare.