Panorama di Terni, tra i quadri più affascinanti realizzati da Orneore Metelli, il pittore ciabattino ternano vissuto agli inizi del Novecento, è visibile nei restaurati ambienti del piano terra di palazzo Montani Leoni, sede della Fondazione Carit.

Grazie ad un atto di grande generosità del Sindaco di Terni – che la Fondazione ringrazia vivamente unitamente a tutta l’amministrazione municipale – la pregevole tavola esce dai locali del CAOS e ritorna a Corso Tacito, dove agli inizi del secolo scorso si trovava l’ “Antica e premiata Calzoleria Metelli”.

Il dipinto rimarrà a palazzo Montani Leoni in comodato d’uso per cinque anni. L’intento della Fondazione è quello di poter contribuire in tale modo a promuovere la conoscenza e la diffusione delle opere d’arte del territorio, rendendole maggiormente fruibili alla comunità locale e non solo.

Un quadro capolavoro, questo di Metelli, per la ricchezza di particolari, tra verità e “visione”, che permette all’osservatore di spaziare dalla montagna di Cesi, alla Cascata delle Marmore, da Collescipoli elle Acciaierie, fino alla bassa Valnerina.