Si stringono i tempi per l’inizio dei lavori, molto articolati, per il restauro complessivo, artistico ed impiantistico della Fontana dello Zodiaco. Individuati tutti gli sponsor, conclusa la progettazione esecutiva, si stanno definendo le ultime defatiganti pratiche burocratiche per l’individuazione del direttore dei lavori, la presentazione delle certificazioni prescritte dalla legge, prima della consegna del cantiere prevista nel prossimo mese di giugno.

Quest’oggi c’è stato un primo sopralluogo con l’impresa Marcangeli per definire i dettagli progettuali per la realizzazione del cunicolo di accesso alla stanza circolare sottostante il catino in modo da consentire agevolmente sia le operazioni di futura manutenzione che l’accesso da parte delle migliaia di ternani e dei turisti che vorranno scendere nelle viscere dove fino ad oggi sono andati solo gli operai dell’ASM che ne curavano la manutenzione. Le tecnologie adottate eviteranno i problemi che si sono verificati in passato a cominciare dalla formazione di calcare che hanno quasi completamente otturato gran parte delle tubazioni che verranno realizzate  in acciaio inox.

Fino ad oggi gran parte dell’acqua veniva perduta scendendo in fogna mentre con il nuovo impianto verrà completamente recuperata ed integrata solo per il calo dovuto alla evaporazione con un un risparmio notevole.

A livello della piazza verrà recuperata la struttura architettonica inconfondibile della Fontana, nella grande stanza sottostante il cuore pulsante del sistema idraulico con le antiche tubazioni di ghisa ultime testimonianze delle lavorazioni che un secolo fa si realizzavano alle acciaierie, la pompa originale ma anche, questa è la novità, l’anima della fontana con pannelli illustrativi e video che ricorderanno la sua storia insieme a quella della città di cui è stata protagonista e testimone, dai bombardamenti, ai festeggiamenti della Ternana in Serie A, al restauro del 1995 fino agli ultimi anni del degrado.

L’Arch. Giunio Marcangeli ha dichiarato che intende procedere con la massima celerità all’inizio dei lavori di propria competenza per cui nelle prossime settimane verrà leggermente deviato il traffico per consentire l’apertura del cantiere.

Si prevede, prima della inaugurazione che avverrà il prossimo anno, anche il rifacimento di parte della pavimentazione della piazza in sampietrini considerato che è da anni ridotta in condizioni disastrose.