Verrà inaugurata domani, sabato 4 maggio, alle 17, nelle tre sale di palazzo Primavera, a Terni, “Il mondo donna”, l’antologica di arte contemporanea di Bruno Minelli che ripercorre i suoi 50 anni di impegno sociale, culturale e artistico.

Con il patrocinio dell’Unpli Umbria, della Provincia e del Comune di Terni, Minelli presenterà 70 opere di grafica, tempere, oli. L’ottanta per cento delle opere in mostra sono dedicate alla donna, passione e rammarico della sua vita.

L’artista propone la storia della sua vita attraverso le immagini salienti che hanno segnato il trascorrere del tempo. Sua madre e sua figlia, punti di partenza e arrivo. Capisaldi tra i quali lo scorrere del tempo lo ha portato ad amori profondi e amori forti e impossibili. Ma l’amore per l’arte è stato incrollabile. Da Firenze, culla dell’arte, con i Musei di Palazzo Pitti, a Madrid con il Museo Del Prado, a Parigi con il Museo Del Louvre, a Pietroburgo con il Museo dell’Hermitage.

“Credo che esiste l’arte e non le arti – dice Minelli – amare un tipo di tecnica o l’altra sono solo fattori soggettivi che spesso dipendono dalla nostra cultura generale dai nostri gusti”.

In questa antologica Bruno Minelli proporrà, venerdì 10 maggio, la sua ultima fatica letteraria “Trasparenze – poesie e dipinti” edita da Umbria volontariato edizioni nella collana Gocce.