Inaugurato l’anno di studi 2018-2019 dell’Onaosi, l’Opera nazionale assistenza orfani sanitari italiani. Alla cerimonia hanno partecipato la presidente della Regione Catiuscia Marini e l’ex ministro della Sanità Rosy Bindi.

“L’Onaosi – ha detto la governatrice umbra – ha sostenuto con una tassazione obbligatoria gli interventi propri della Fondazione e ciò è avvenuto quando ancora non avevamo un’idea del Welfare pubblico strutturato e quando ancora molti servizi come quello dei percorsi di istruzione, in particolare dell’istruzione superiore, non erano garantiti dal diritto allo studio pubblico. L’Onaosi è stato lungimirante – ha aggiunto la Marini – e ha fatto leva sull’intervento solidaristico con un’azione inizialmente di supporto verso gli orfani dei medici e dei professionisti del settore sanitario, per poi diventare un ente di erogazione di servizi di qualità a sostegno del percorso formativo di grande importanza anche per l’interconnessione con il nostro sistema universitario”.