C’era anche la Presidente della Giunta regionale dell’Umbria, Catiuscia Marini, all’inaugurazione dell’anno di studi 2016-2017 della Fondazione Onaosi, avvenuta questa mattina a Perugia. “Nel corso degli anni – ha detto nel suo intervento – l’Onaosi ha avuto un ruolo importante garantendo il diritto allo studio ai figli dei sanitari che hanno frequentato, nella città, le scuole e l’Università”. All’incontro, trasmesso in diretta streaming e seguito dagli studenti ospiti delle strutture della Fondazione di tutta Italia, è intervenuto il procuratore capo della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, oltre ai rappresentanti delle istituzioni. Nel suo intervento la presidente Marini dopo aver ricordato che la privatizzazione ha lasciato del tutto inalterata la natura pubblica delle finalità assistenziali dell’ente, – ha affermato – che “l’Onaosi ha saputo rigenerarsi anche attraverso un’investitura democratica degli organi di rappresentanza e una gestione rigorosa delle risorse. Ciò ha permesso la presa in carico di molti giovani e anche di predisporre interventi a favore dei sanitari contribuenti in condizione di vulnerabilità e disagio”. Concludendo la presidente ha rinnovato l’impegno delle istituzioni a prestare la massima attenzione affinché con la riforma previdenziale la Fondazione Onaosi non sia penalizzata: “C’è la massima disponibilità – ha aggiunto – a continuare il nostro lavoro attento e silenzioso per salvaguardare l’identità e l’autonomia dell’Onaosi, consapevoli della sua storia e del grande lavoro che ha svolto in oltre 100 anni nella città e in Umbria”.