I 10 dipinti di Salvatore Fiume esposti a Palazzo Donini a Perugia lasceranno temporaneamente la Sala Fiume della sede della Giunta regionale, per essere collocate nell’Ala del Serrone della Reggia di Monza dove la Fondazione Salvatore Fiume ha organizzato una mostra per celebrare il centenario dalla nascita del pittore.

Sotto l’occhio attento di esperti sono iniziate le procedure per il trasporto delle dieci grandi tele che abbelliscono le pareti della Sala al piano terra di Palazzo Donini.

I dieci grandi dipinti furono commissionati al pittore Salvatore Fiume nel 1949 dal presidente della Società Perugina Bruno Buitoni, con l’obiettivo di impreziosire le pareti di alcune sale della fabbrica.

L’accordo fra il committente e il pittore era quello che i temi delle opere attenessero a personaggi e avvenimenti della storia di Perugia e dell’Umbria.

Le 10 tele sulle “Glorie e le sventure dell’antica Umbria” che ritraggono la Battaglia dei sassi, la cattura di San Francesco di Assisi, la Congiura dei Baglioni, la Battaglia dell’Aquila, l’Assedio di Totila, la Battaglia di Torgiano, Niccolò Piccinino, Braccio Fortebraccio, San Benedetto da Norcia, San Francesco d’Assisi, furono collocate prima nella sala della mensa della fabbrica della perugina a Fontivegge e poi in una delle sale riunioni del nuovo stabilimento di San Sisto.

Nel 1988 la Perugina Spa per rispettare la volontà del suo fondatore Bruno Buitoni, ha donato le opere alla Regione Umbria ponendo come onere la loro esposizione al pubblico al fine del loro godimento da parte della cittadinanza di Perugia o dei suoi visitatori, salva la loro utilizzazione temporanea in occasione di mostre, esposizioni e manifestazioni culturali.