Con oltre il 35% in più per presenza di pubblico e produzioni editoriali vendute, quella del 2015, è stata un’edizione che ha rafforzato una manifestazione improntata alla diffusione e promozione del sapere che ormai vanta una lunga tradizione”: lo ha affermato l’assessore regionale alla cultura Fernanda Cecchini nel corso della conferenza stampa di chiusura di “Umbrialibri 15 – Nutrimenti Culturali, La Grecia”. Nel corso dell’incontro è stato ricordato che Umbrialibri, dal 27 al 29 novembre, si sposta a Terni al Centro Arti Opificio Siri – Caos. Il tema scelto, che chiuderà di fatto l’edizione del 2015, è “la Città”.

In riferimento al bilancio della manifestazione è stato detto che sono stati oltre 260 gli ospiti tra scrittori, giornalisti, filosofi, sociologi, storici e studiosi che si sono alternati nei tre giorni della manifestazione (13-14-15 novembre). I programmi distribuiti sono stati 6000, mentre gli spettatori degli eventi hanno raggiunto circa 10.000 presenze. Sono stati 14 gli incontri che hanno contraddistinto il focus della rassegna.

Anche quest’anno Umbrialibri ha visto il pieno coinvolgimento degli editori umbri, nella duplice veste di espositori e promotori culturali. Gli espositori locali sono stati circa 50, tra case editrici, editoria pubblica, centri di ricerca e di studio, associazioni e istituzioni culturali. L’elevata partecipazione di pubblico ha avuto anche un brillante riscontro in termini di vendite. Secondo i dati elaborati dall’Associazione editori umbri l’edizione del 2015, con un più 35% rispetto all’anno precedente, è stata una delle migliori in termini assoluti.