Si è concluso la scorsa settimana il progetto di lettura e scrittura creativa “Kamishibai, Il Portastorie” ideato e realizzato dai volontari del Servizio Civile Nazionale del progetto “AttivaCulture”, con la collaborazione della Biblioteca Comunale Eroli di Narni. Questo laboratorio rientra tra le finalità di “AttivaCulture”, progetto promosso dalle Cooperative Sociali Alis, Actl e dal Comune di Narni, col fine di valorizzare la cultura e i beni culturali minori del nostro territorio. “Kamishibai”, ossia “teatro di carta”, è una tecnica di lettura ad alta voce che si serve di un piccolo teatrino in legno, nel quale vengono inserite delle schede in sequenza, che permette di catturare l’attenzione dello spettatore attraverso le immagini. Il progetto si è rivolto agli alunni di tutte le classi quarte e quinte delle scuole primarie di Narni, Narni Scalo, Santa Lucia, Ponte San Lorenzo, San Liberato e Gualdo; per un totale di 16 classi e circa 350 bambini. Nel primo dei tre incontri i bambini hanno avuto modo di familiarizzare con gli spazi, i volumi e i servizi offerti dalla Biblioteca. Successivamente si sono cimentati nella realizzazione di storie che sono state poi disegnate e recitate da ciascun gruppo attraverso il kamishibai.