Secondo, raro intervento, con tecnica mini invasiva da parte dell’equipe orto-neuro-traumatologica dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia. Si è trattato della stabilizzazione spino-pelvica eseguita su un uomo di 60 anni vittima di “politrauma da precipitazione”, che aveva riportato una frattura al bacino e alla colonna vertebrale.

L’intervento – riferisce una nota della stessa azienda ospedaliera – è stato eseguito dall’equipe chirurgica multidisciplinare delle strutture complesse di Neurochirurgia, diretta dal dott. Corrado Castrioto e Ortopedia e Traumatologia, diretta dal prof. Auro Caraffa.

Una tecnica operatoria innovativa, mini invasiva, applicata ad una patologia traumatica rara, eseguita in pochi ospedali italiani (appena dieci interventi l’anno). Nell’ospedale di Perugia è stata resa possibile dalle competenze interdisciplinari dei professionisti senza l’apporto di consulenze di specialisti esterni e segna un nuovo successo – sottolinea la nota – dell’equipe orto-neuro-traumatologica guidata dal dottor Lorenzo Maria Di Giacomo, ortopedico, e dal dottor Rodolfo Corinaldesi, neurochirurgo.