I Carabinieri di Poggio Moiano, hanno denunciato cinque persone di origine pakistana, ma da anni residenti nell’hinterland napoletano, per reato di truffa in concorso. La vittima, una donna del luogo,  ha ricevuto, in più occasioni, telefonate da parte dei cinque che, simulando di essere dipendenti di un noto istituto bancario on-line, presso il quale la donna era effettivamente titolare di conto corrente, sono riusciti a raggirarla, a carpirne la fiducia e a farsi dare coordinate e credenziali del conto, da cui hanno sottratto 1.000,00 euro. L’attività d’indagine ha permesso ai militari di ricostruire i movimenti bancari sospetti ed interrompere l’odiosa truffa. Gli accertamenti continuano al fine di recuperare le somme indebitamente percepite dai cinque. Determinante è stata, anche in questo caso, la tempestiva comunicazione fatta dalla donna ai militari della Stazione di Poggio Moiano. I Carabinieri raccomandano, pertanto, massima attenzione a questo tipo di truffa, il c.d. phishing telefonico e suggeriscono di non fornire al telefono, o via SMS, le proprie credenziali d’accesso a nessuno. Nel caso di un semplice tentativo o mero sospetto di tentativo truffa con analogo modus operandi, devono essere subito contattati il proprio istituto bancario e le forze di polizia.