I Carabinieri  di Rieti,  ieri sera, hanno arrestato F.K., 38enne di origine marocchina, da anni residente a Rieti, operaio, già noto alle forze di polizia. L’uomo, sebbene stesse scontando una condanna mediante la misura alternativa dell’affidamento in prova al servizio sociale, due settimane fa era stato arrestato, sempre dai Carabinieri della Stazione di Rieti, poiché responsabile di una violenta aggressione a due connazionali nel centro storico del capoluogo. Nel corso del violento litigio scaturito per futili motivi, aveva minacciato e malmenato un connazionale trentenne, accanendosi anche contro la macchina del malcapitato, danneggiandola in più parti, per poi scagliarsi anche contro un altro connazionale che, intervenuto per sedare l’alterco, era stato minacciato con un coltello e colpito con un violentissimo pugno al volto. Per questo motivo l’Ufficio di Sorveglianza del Tribunale di Viterbo ha sostituito la misura in atto con la detenzione in carcere. L’uomo è stato quindi tradotto presso la Casa Circondariale di Civitavecchia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

FABBRICAVA E VENDEVA ONLINE BOMBE CARTA, IN CASA AVEVA UNA POLVERIERA DENUNCIATO 50ENNE