L’Università per Stranieri di Perugia si costituirà parte civile nel procedimento penale relativo al cosiddetto esame farsa di Luis Suarez “qualora, all’esito dell’udienza preliminare fissata per il 28 settembre, si dia luogo al rinvio a giudizio per uno o più degli imputati, per uno o più dei reati a loro contestati”.

Lo ha annunciato lo stesso Ateneo che è parte offesa nell’inchiesta che coinvolge tra gli altri la ex rettrice Giuliana Grego Bolli e dell’allora direttore generale Simone Olivieri. La possibilità di costituirsi parte civile è stata deliberata dagli organi collegiali dell’Università per Stranieri di Perugia.

Il rettore Valerio De Cesaris, “riaffermando piena fiducia nel lavoro della magistratura, ricorda che le persone coinvolte nel procedimento penale hanno diritto, in questa fase, alla massima riservatezza”.