“La variante delta in Umbria colpisce soprattutto la fascia più giovane della popolazione non ancora vaccinata”: è quanto emerge dal punto settimanale fatto degli epidemiologi del nucleo regionale. “La maggior parte dei contagi – è stato detto – si concentra nella fascia di età 14-25 anni”.

“Ad oggi purtroppo – è stato evidenziato durante l’incontro – il 35% della popolazione tra 20 e 29 anni non risulta aver prenotato la somministrazione e addirittura non ha aderito, finora, alla campagna vaccinale il 63% della fascia di età 12-19 anni”. Mentre chi ha prenotato il vaccino tra i giovani, riceverà la somministrazione tra fine luglio e i primi di agosto, con l’assessore alla sanità regionale Coletto e il commissario all’emergenza Covid, D’Angelo, che hanno garantito che “entro fine agosto l’80% della popolazione umbra sarà vaccinata”.

“La vaccinazione dei giovani e in particolare della fascia 12-19 anni – ha sottolineato il dott. Cristofori – è fondamentale per il ritorno a scuola in presenza, se non si vaccinano dopo una settimana saremmo costretti a tornare alla didattica a distanza”.