A fronte dell’incremento in Umbria dei positivi al Covid-19, il Cor (Centro operativo regionale) rivolge un appello affinché tutti osservino comportamenti rispettosi delle regole e per una maggiore adesione alla campagna vaccinale.

L’andamento epidemiologico del Covid-19 in Umbria, che registra un aumento di positivi – pur restando molto bassa l’ospedalizzazione – è stato oggetto dell’odierna riunione dello stesso Centro operativo regionale, presieduto dal direttore regionale, Stefano Nodessi Proietti, presenti – tra gli altri – il direttore regionale alla sanità, Massimo Braganti, ed il Commissario straordinario all’emergenza Covid-19, Massimo D’Angelo.

Dall’analisi dei dati, emerge con sempre maggiore evidenza il crescere dei contagi tra i giovani da 14 a 24 anni; un dato che evidenzia – sottolinea una nota della Regione – la scarsa propensione dei giovani al rispetto delle regole del distanziamento.

Emerge inoltre chiaramente che nelle persone che contraggono il virus e sono vaccinati con ciclo completo, il rischio di ospedalizzazione si riduce in maniera drastica rispetto ai contagiati non vaccinati.