Nuova convenzione tra il dipartimento di Ingegneria dell’Università di Perugia ed il collegio dei periti industriali e periti industriali laureati della provincia di Terni.

L’intesa – firmata a palazzo Spada – riguarda l’attivazione di percorsi integrativi al corso di laurea in Ingegneria industriale della sede ternana per gli iscritti allo stesso collegio dei periti. Al termine – come già accaduto nella prima fase di quest’esperienza, che ha coinvolto 12 professionisti – i partecipanti potranno conseguire la laurea.

“Si tratta – hanno spiegato i firmatari – di un accordo che ha l’obiettivo di fornire percorsi professionalizzanti e personalizzati per coloro che hanno un titolo di studio di tecnico e che, magari, sono già impegnati in esperienze lavorative di settore”. L’assessore comunale alla Scuola e all’Università, Cinzia Fabrizi, ha spiegato che “l’amministrazione comunale ha particolarmente apprezzato la volontà di rinnovo della convenzione, che rappresenta un esempio di come la presenza dell’Università sul territorio possa favorire forme di collaborazione a tutto vantaggio del territorio stesso e della comunità locale, al servizio del tessuto economico e per il costante miglioramento e aggiornamento dei tecnici”.

Coloro che hanno già conseguito il titolo di dottore in Ingegneria industriale hanno voluto riaffermare il proprio legame con la comunità locale discutendo tesi utili e spendibili per la qualificazione del Polo scientifico didattico dell’Università degli Studi di Perugia, sede di Pentima.

Le tesi hanno riguardato in particolare soluzioni per gli impianti di servizio delle aule e degli uffici basati sulle tecnologie più evolute per funzionalità, sostenibilità, risparmio energetico, rispetto dell’ambiente; gli impianti tecnologici con un costo prossimo allo zero; la sicurezza con la prevenzione incendi e percorsi di aree tecniche vivibili e adeguate alle esigenze di una comunità universitaria.